Ordo Fratrum Minorum Capuccinorum

Log in
updated 5:15 PM CEST, Oct 15, 2019

La custodia dei cappuccini della Corea

La custodia dei cappuccini della Corea

Gli inizi

Nel gennaio del 1986 il cardinale Stephen Kim, arcivescovo di Seoul, invitò i cappuccini irlandesi a recarsi in Corea per stabilire nel cuore della città di Seoul una Cappella per l’Adorazione perpetua della Santa Eucaristia e per testimoniare il nostro speciale carisma del Sacramento della Riconciliazione. Il 16 luglio la bandiera dei Cappuccini fu piantata qui da quattro frati della Provincia Irlandese (vedi foto dei frati). I padri colombani irlandesi e i francescani coreani offrirono alloggio per consentire ai frati di studiare la lingua e la cultura del luogo.

Nella primavera del 1990 abbiamo fondato il nostro primo "convento", un appartamento, a Seoul, dedicandolo a Santa Maria degli Angeli. Tra il 1990 e il 2000 arrivarono altri frati, e altri tornarono a casa. Degno di particolare menzione è stato un ex provinciale, Fr. Berard Creed (allora settantenne), che ha prolungato di quasi due anni la sua visita in Corea in occasione del suo Giubileo d’oro, visita che sarebbe dovuta durare due settimane! Nel dicembre del 1995 ci colpì la tragedia! Uno dei nostri più giovani missionari in Corea, Fr. Liam O’Dea, rimase ucciso in un incidente a Seoul. Aveva solo 27 anni. Ma la sua morte non è stata vana. Da qualche parte in Corea quattro persone vivono con i suoi organi. Questo gesto della sua famiglia fece sensazione nel Paese, perché fu la prima donazione di organi fatta da uno straniero in Corea. I resti di Fr. Liam furono riportati in Irlanda per la sepoltura. Nel 1996, la nostra fondazione come "Casa di Presenza" è stata elevata al rango di "Delegazione", e infine a "Custodia" nel 2005 da Fr. John Corriveau.

Corea del Sud - La nostra realtà attuale!

La guerra di Corea 1950-1953 fu devastante per il Paese. Tecnicamente, la guerra non è finita e la pace è garantita da un fragile armistizio e da una zona DMZ pesantemente minata, che divide in due la penisola in questi ultimi 66 anni. Entrambe le nazioni rimangono costantemente in allerta per timore di un eventuale conflitto.

I giovani sudcoreani sono obbligati a prestare il servizio militare per 18 o 24 mesi. La Corea del Nord è veramente un regno isolato, con uno stato di polizia che controlla la sua gente con paura, malnutrizione, punizioni brutali e scarsa istruzione.

Lo sviluppo economico della Corea del Sud, d'altra parte, divenne noto come Il miracolo sul fiume Han! Il paese si è trasformato da un paese isolato in un regno di Internet, da Corea dinamica in un regno del freddo in Asia. L'ondata coreana di successo sociale ed economico ha reso la Corea un marchio globale per automobili, navi, tecnologia, ingegneria elettrica, materiale elettrico, TV, computer, smartphone, sport e divertimento. I coreani possiedono un grande spirito di generosità, volontariato e celebrazione della vita familiare. In effetti, la resilienza della Corea nel superare le avversità (specialmente durante la crisi del FMI in Asia alla fine degli anni '90), è in gran parte attribuita alla sua capacità culturale di lavorare come gruppo / comunità.

Anche la Chiesa cattolica ha una notevole influenza sulla società coreana. La Chiesa cattolica coreana è unica in quanto la fede è stata introdotta dai nativi coreani, che hanno studiato teologia all'estero, non missionari. Le violente persecuzioni e martirio del XIX secolo divennero il seme di un'enorme crescita per la Chiesa cattolica. Quella fede sostenne il popolo durante l'occupazione giapponese dal 1910 al 1945. Ma il governo dittatoriale dei governi del dopoguerra nella ricostruzione della nuova economia costrinse la Chiesa cattolica ad alzare la voce a sostegno dei movimenti democratici degli anni '80 che furono brutalmente repressi. La voce della Chiesa in favore della giustizia, dei diritti umani, dei poveri sotto la coraggiosa guida del cardinale Stephen Kim, ha guadagnato grande rispetto da parte di tutti e ha ispirato molte "conversioni". La Chiesa continua ad essere una tale voce soprattutto oggi per il Vangelo della Vita.

Di una popolazione di circa 50 milioni, circa 5 milioni sono cattolici, circa 7 milioni gli appartenenti a confessioni cristiane, 15/20 milioni i buddisti e i restanti non professano nessuna religione.

Tuttavia, il governo della nazione e le organizzazioni culturali della nazione si basano su principi confuciani. Ogni anno, centinaia di coreani vengono catechizzati (non evangelizzati) e battezzati, ma molti presto si allontanano. E molti cattolici ricorrono ancora alle secolari pratiche dello sciamanesimo e della ricerca della fortuna per dare "risposte" ai problemi e ai sogni della vita. Anche le vocazioni sono in declino a causa del crescente materialismo e secolarismo.

L' "eccessivo senso di competizione" della Corea sta distruggendo i matrimoni, la vita familiare e l’educazione infantile. Le condizioni di lavoro e i salari ingiusti, i debiti finanziari, l’aumento della disoccupazione giovanile, la corruzione politica, lo sfruttamento accademico, la stigmatizzazione dei fallimenti, lo stress o la depressione sono alla base di un gran numero di divorzi ed episodi di bullismo. I suicidi sono tra i più alti al mondo, anche tra gli anziani. E la Corea sta invecchiando rapidamente. Entro il 2050, sarà il paese più vecchio del mondo, con il più basso tasso di natalità e il più alto numero di aborti pro capite. Di conseguenza, milioni di donne e uomini soffrono in silenzio il dolore psicologico, emotivo e spirituale dell'aborto. Eppure, nel profondo del loro cuore, le persone sanno che manca qualcosa. Stanno cercando pace, speranza, guarigione, significato, un motivo per vivere. Questa, quindi, è la realtà attuale in cui siamo chiamati a evangelizzare noi frati Cappuccini con i carismi di fraternità, ospitalità, semplicità ...

Ciò che segue è il profilo della nostra attuale situazione all'interno di questa realtà:

Statistica

Attualmente, abbiamo quattro conventi (vedi mappa sotto):

La custodia dei cappuccini della Corea

  1. Mother House (Seoul): residenza del Custode, della comunità regolare (6 fratelli), cinque professi temporanei (5) di cui 1 seminarista.
  2. Postulancy House (Seoul): casa in affitto (marzo 2018-2020). Frati professi perpetui (2), Postulanti (2).
  3. Noviziato (Gapyeong): Professi perpetui (2), novizi (0).
  4. Casa di "Formazione speciale" per il sacerdozio (Incheon): Professi perpetui (3) di cui 1 seminarista.

Totale: Professi perpetui 13 (6 sono sacerdoti - 5 coreani, 1 irlandese), professi temporanei 5, novizi 0, postulanti 2

Vita fraterna - Senza grandi conventi in cui nascondersi, il vivere in piccole fraternità è una vera prova di fede e di formazione del carattere. I conflitti sono inevitabili, soprattutto per questioni di clericalismo e di individualismo. E siamo vigili sull'influenza invasiva del materialismo e della tecnologia che pervade ogni livello della società coreana.

Vocazioni - I primi postulanti arrivarono nel 1993. Nel maggio 1999 due di loro fecero la loro Professione finale e celebreranno il loro Giubileo d'argento il prossimo gennaio 2020. Nel 1996 abbiamo acquisito terreni nel centro di Seoul per costruire il nostro primo convento che è stato completato nel giugno 1997 e dedicato a Santa Maria degli Angeli. Nel 1998, gli appartamenti in affitto a Gapyeong, diocesi di Chuncheon, sono serviti da noviziato fino alla costruzione di un noviziato permanente nell'ottobre 2000 dedicato a San Felice da Cantalice. Nello stesso anno, abbiamo acquisito una casa (precedentemente ristorante e casa di famiglia) nella diocesi di Incheon per la formazione speciale per il sacerdozio dedicandola a San Lorenzo di Brindisi.

La Custodia celebra una giornata vocazionale una volta al mese nella nostra casa di Seoul. La maggior parte delle richieste arriva attraverso il nostro sito Web www.capuchin.kr, altre tramite il contatto personale. La Custodia non accetta i candidati fino a quando non abbiano completato il servizio militare obbligatorio di 18 o 22 mesi. Le vocazioni sono sempre state poche ma costanti, nonostante diverse partenze nel corso degli anni.

Ministeri / Apostolati - Molti ministeri e apostolati in ciascuna diocesi sono severamente regolati dalle autorità della Chiesa. Pertanto, i nostri sforzi sono limitati alla collaborazione con altri gruppi di servizi religiosi e sociali, ad es. prendersi cura dei senzatetto e degli anziani, dei malati, sponsorizzando l'educazione degli studenti poveri. Gli apostolati e i ministeri tradizionali della Custodia sono concentrati nei conventi e nelle località di Seoul: Messa pubblica quotidiana, confessioni, assistenza pastorale alle parrocchie e ai conventi e alle basi militari locali, nonché ritiri diurni.

Cercare lavoro a tempo parziale - è stata una risoluzione del nostro capitolo del 2017. Questa iniziativa è stata la risposta della Custodia alla richiesta dell'ex Ministro Generale Fr Mauro  Jöhri affinché le circoscrizioni siano più autosufficienti. Un frate ottenne un lavoro part-time come autista per una compagnia di corrieri per circa 3 mesi lavorando 5 ore al giorno per 5 giorni alla settimana. Si è anche qualificato e ha ottenuto un impiego temporaneo come barista, e ha anche ottenuto certificati nella produzione di birra e nella costruzione di edifici di base. L'iniziativa ha ricevuto commenti positivi da altri ordini religiosi coreani.

Collaborazione all'interno del PACC - Nel corso degli anni, molti dei nostri Fratelli hanno avuto la fortuna di sperimentare il volto globale dell'Ordine visitando varie circoscrizioni per ministeri, apostolati e formazioni speciali, come Irlanda, India, Filippine, Tailandia, Indonesia, Guam. Di particolare interesse è la Missione medica dei Cappuccini (CMM), Filippine che fornisce cibo, forniture mediche e cure ai poveri e alle tribù indigene e prive di documenti che vivono in regioni montane isolate, spesso accessibili solo a piedi.