Ordo Fratrum Minorum Capuccinorum

Log in
updated 11:25 PM UTC, Dec 2, 2021

S.O.S. COVID-19 in Amazzonia

In questo momento così delicato, la nostra gente in Amazzonia è gravemente e violentemente colpita dalla seconda ondata di COVID-19. Non siamo indifferenti, ascoltiamo le loro grida e guardiamo con misericordia i nostri fratelli e le nostre sorelle; noi ci sentiamo in dovere di dare senza paura una risposta concreta, suggerita dalla fraternità, in modo immediato e urgente, perché la gente chiede aiuto.

Presentiamo alcuni progetti realizzati dai Frati Cappuccini della Custodia di Amazonas e Roraima, in Brasile.

A Manaus:

PROGETTO n. 1 - “S.O.S. OXYGEN ”

La nostra Curia, a nome dell'intera Custodia “São José de Leonissa”, sta acquistando e installando un mini impianto di ossigeno, a servizio dell'intera città di Manaus e dei vicini (villaggi) dell’interno. Allo stesso tempo, sta acquistando (con l'aiuto dei frati della Colombia) degli accumulatori individuali di ossigeno, per le innumerevoli persone che non hanno trovato posto negli ospedali, dove ci sono code di attesa di più di 500 persone, prima di ottenere un letto per essere curate per il COVID-19.
 
PROGETTO n. 2 - “A FOME DÓI” – La Fraternità “São Sebastião” dona cestini alimentari di base, materiale per l'igiene, medicine e vestiti per le famiglie bisognose nel centro e nelle periferie di Manaus. Offre servizi di ascolto psicologico di emergenza e colloqui francescani nei media (con giornalisti, operatori della comunicazione, stazioni radio e TV su un’informazione veritiera, sulla giustizia, la pace, il sostegno della vita).
 
PROGETTO n. 3 - “CIBO in OSPEDALE” - La Fraternità “São Lourenço de Bríndisi”, con i giovani postnovizi, prepara manualmente il cibo per gli operatori sanitari e compagni, servendo pasti caldi negli ospedali che si prendono cura dei malati COVID, perché, nel caos attuale e a causa del collasso del sistema sanitario statale, anche i professionisti soffrono la fame.
 
PROGETTO n. 4 - “POVERI IN SILENZIO” - Nel Monastero di São Damião, le Clarisse Cappuccine donano quotidianamente, ai poveri delle periferie, cestini di base, medicinali, materiale igienico, rimedi casalinghi, erbe officinali, semi da piantare.

A Rorainópolis:

PROGETTO n. 5 - “S.O.S. MIGRANTI ”

La Fraternità Divina Pastora affronta la gravissima crisi migratoria che si è aggiunta alla pandemia, donando cestini alimentari di base, materiale per l'igiene personale, DPI (Dispositivi di Protezione Individuale), trasporto-aiuti alimentari e spese per la regolarizzazione dei documenti (Venezuelani e popolazioni indigene)). La crisi degli immigrati venezuelani (molti di loro sono autoctoni) era già grave prima della pandemia. Attualmente, il confine tra Brasile e il Venezuela è chiuso e per la maggior parte di loro non ci sono prospettive di lavoro e sussistenza. La pandemia ha peggiorato ciò che era già critico. A Rorainópolis non è disponibile alcun servizio per COVID; tuttavia, il bisogno più urgente è proprio il cibo. Gli aiuti statali sono cessati e molte incertezze incombono ancora sulla vaccinazione. Ci resta da fidarci di Dio e fare ciò che possiamo.

Nel villaggio di Belém do Solimões:

PROGETTO n. 6 - “S.O.S. INDIANI ”

La Fraternidade São Francisco de Assis affronta le gravi conseguenze della pandemia, sostenendo i giovani indigeni con borse di studio, affinché non abbandonino il bellissimo percorso educativo già avviato e incoraggino anche l'allevamento di pollame e l'allevamento familiare, per affrontare, oltre a corsi professionali, anche la crescente crisi economica.

Chi partecipa e realizza questi progetti? Le nostre Fraternità della Custodia di Amazonas e Roraima, Brasile e le Clarisse, con i loro vari collaboratori laici, una bella e fitta rete di volontari.

Rispondendo alla domanda su quante persone beneficiano di questi progetti, dobbiamo dire che, in tutte le nostre Fraternità, è difficile contare; certo, serviamo migliaia di famiglie bisognose che hanno bisogno in questo momento davvero di emergenza, ed è bene ricordare che il nostro servizio, come cappuccini, è sempre materiale e spirituale, poiché ogni piatto di cibo è accompagnato da una parola evangelica di amore e speranza e una risposta a una richiesta di preghiera. Cerchiamo di vivere come Gesù, niente di più, annunciando e vivendo per il Regno.

I Frati Minori Cappuccini della Custodia di Amazonas e Roraima, Brasile

Amazonia – Galleria delle foto - https://flic.kr/s/aHsmU2E5Xi

Ultima modifica il Giovedì, 04 Febbraio 2021 19:45