Curia Generalis Ordinis Fratrum Minorum Capuccinorum

Log in
updated 7:22 PM CEST, Aug 23, 2017

Giuristi dell’Ordine – incontro 2017

Roma. Nei giorni 10–14 luglio, presso la Curia Generale dei Frati Minori Cappuccini, il Gruppo Ius – Giuristi dell’Ordine ha celebrato il suo secondo incontro annuale.

Il Gruppo è stato costituito dal Ministro generale e suo Consiglio il 20 marzo 2015, accogliendo con favore la proposta inviata dal Procuratore generale nel febbraio precedente. L’idea è quella di costituire un gruppo di tecnici del Diritto, canonisti e avvocati civili, che possano aiutare il Ministro generale e il suo Consiglio a districarsi tra le inevitabili lacune, imprecisioni, difficoltà interpretative del nostro Diritto proprio (Costituzioni e Ordinazioni dei Capitoli generali) e del Diritto in genere. Non “accademia”, dunque, ma aiuto concreto nelle difficoltà che emergono quotidie nella prassi del governo centrale dell’Ordine e nella relazione con le circoscrizioni. Del resto, proprio a Roma, in epoca classica, la Juris Prudentia, la Scienza del Diritto, nacque proprio per la risoluzione del caso concreto.

Video - Giuristi dell’Ordine – incontro 2017

Il Gruppo presenta voci dei diversi continenti: il Presidente Delegato dal Consiglio Generale, fr. Victorius Dwardy, (Pr. Indonesia - Asia), il Procuratore Generale, fr. Antonio Belpiede (Foggia - Europa), il Vice Procuratore, fr. Albert D’Souza (Maharashtra - Asia), fr. John Celichowsky (Detroit - America del Nord), Fr. Josè Angel Torres (Cust. Puerto Rico - America latina), fr. Jean Miguina (R.C.A. – Tchad - Africa).

Durante l’anno il Gruppo resta in contatto tramite internet e condivide problemi giuridici emergenti e richieste da parte del Ministro generale. Scambi tecnico–giuridici e riflessioni comuni avvengono tramite e–mail. Una volta l’anno ci si riunisce in Curia generale per dibattere i temi emersi e fornire al Ministro Generale il frutto di questo Digestum. Una riflessione giuridica che infine compone “una lista di tutti quegli aspetti giuridici che le Costituzioni e le OCG lasciano aperti, per presentarli al prossimo Capitolo generale per essere risolti” (Lettera del Ministro Generale che costituisce il Gruppo).

È simpatico ricordare che il casus belli, che ha provocato l’idea del Gruppo fu una richiesta di chiarimenti del Ministro fra Mauro sulle Custodie Generali. Nell’incontro del 2016 il Gruppo si è speso per definire un modello di Statuto per la Custodia generale (Cost. 136,1) e per studiare il c.d. “riparto di competenze” (divisione delle responsabilità) tra Ministro provinciale e Custode. Ciò avviene in due modi: col conferimento per iscritto delle deleghe da parte del Ministro provinciale al Custode (Cost. 136,6) e con lo Statuto (Cost. 136,8). Nel recente incontro di formazione di Frascati per i Superiori maggiori è emerso che questi strumenti previsti dalle Costituzioni… sono molte volte ignorati… un’ignoranza che in genere aumenta i problemi di governo. Il lavoro continua…

fr. Antonio Belpiede OFMCap, Procuratore Generale

Vedi la galleria più abbondante

Ultima modifica il Martedì, 18 Luglio 2017 11:06